17. Un impegno concreto: più sorrisi per tutti

berlusconi jokerVi ricordate quando Berlusconi faceva veramente ridere?

Voglio fare le battute che avrei fatto se avessi avuto il blog quando Berlusconi ha detto…

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ogni volta che rompe con Casini si sfoga così.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Resuscita sempre.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ma non avrebbe fatto cambiar vita alla Maddalena.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ora sarà dura convincere gli italiani che non bisogna togliere il crocifisso.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Guarda che non ti basta avere i ladroni anche a sinistra.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ecco perché ha fatto vestire la Minetti da suora.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” E ha fatto crescere il debito pubblico perché ha le mani bucate.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Spero che non abbia approcciato Ruby dicendole “Questo è il mio corpo…”

Berlusconi. “Sono il Gesu Cristo della politica.” E organizza eleganti ultime cene con burlseque.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ricordi male, lui non era figlio di puttana.

Mi è venuto in mente pensando a Benigni. Pure lui lo ha capito. Dice che avrebbe potuto fare due ore di spettacolo su Berlusconi, ma se lo avesse fatto ci saremmo suicidati tutti in massa. Non se ne può più. La risata del pubblico era di sfogo, quasi isterica. Simile a quella procurata dal “Hai rotto il cazzo” della Littizzetto, che se Berlusconi fosse apparso in mezzo al pubblico in quel momento non ne sarebbero rimaste nemmeno le ossa. Le risate che suscitava Berlusconi col suo modo di fare buffonesco, gaffeur, sopra le righe, non sono più le stesse.

Anche chi lo ha sempre odiato in fondo ha tratto un po’ di gioia, in passato, dal prenderlo per i fondelli: si sentiva superiore a coloro che lo votavano, che erano così ingenui, parvenou o americanizzati. C’era un po’ di spensieratezza, di surrealtà, quasi di nonsense alla Monty Python nell’avere un Presidente del Consiglio che faceva le corna a Solana e “BAUSETTETE!” alla Merkel. Erano anni in cui in fondo a fine mese si arrivava, anni si parlava comunque della Prima Repubblica come del peggiore dei mondi possibili.

Non ho nessuna simpatia per la sinistra italiana, che è essenzialemente e costitutivamente antiquata e lottizzata, legata a un mondo in cui ci sono le banche di destra e quelle di sinistra, le assicurazioni di destra e quelle di sinistra, i supermercati di destra e quelli di sinistra; ma bisogna che Berlusconi si decida una buona volta a morire politicamente. Dobbiamo sperare che senza di lui possa emergere una forza politica liberale e che la presenza di una forza politica liberale aiuti la sinistra a diventare una forza socialdemocratica moderna anziché un residuo di politiche fallimentari anni ’70 misto a qualche sparuto wannabe Zapatero. Il vecchio crapulone ha veramente rotto il cazzo e ridere delle sue uscite recenti come: “La mia fidanzata Francesca è una persona di solidi valori morali” causa comunque acidità di stomaco. E oggi non voglio star male. Ora voglio fare un viaggio spensierato indietro nel tempo. Se Benigni ci ha riportato indietro al Medioevo, io vorrei voltare la giratempo solo fino a pochi anni fa. e quindi ripeto, voglio fare le battute che avrei fatto se avessi avuto il blog quando Berlusconi ha detto…

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ogni volta che rompe con Casini si sfoga così.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Resuscita sempre.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ma non avrebbe fatto cambiar vita alla Maddalena.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ora sarà dura convincere gli italiani che non bisogna togliere il crocifisso.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Guarda che non ti basta avere i ladroni anche a sinistra.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ecco perché ha fatto vestire la Minetti da suora.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” E ha fatto crescere il debito pubblico perché ha le mani bucate.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Spero che non abbia approcciato Ruby dicendole “Questo è il mio corpo…”

Berlusconi. “Sono il Gesu Cristo della politica.” E organizza eleganti ultime cene con burlseque.

Berlusconi. “Sono il Gesù Cristo della politica.” Ricordi male, lui non era figlio di puttana.

2 pensieri su “17. Un impegno concreto: più sorrisi per tutti

  1. Pingback: 100. Chi ben comincia | Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...