50. Ti sparo perché ti amo troppo

Gioconda soldatoPentagono. Anche le soldatesse combatteranno in prima linea. Due colpi non si negano a nessuna.

Anche le soldatesse combatteranno in prima linea. Faranno una tacca sul fucile ogni volta che troveranno un paio di calzini.

Le soldatesse combatteranno in prima linea. Sono abituate alla vista del sangue.

Le soldatesse combatteranno in prima linea. Ma non potranno usare il sesso come arma.

Le soldatesse combatteranno in prima linea. Per non farle partecipare alle trattative di pace.

Le soldatesse combatteranno in prima linea. Vittime del fuoco tromboamico.

Le soldatesse combatteranno in prima linea. Al Pentagono si sono accorti che l’avevano sempre vinta loro.

Qualche tempo fa anche il principe Harry era stato esaltato per aver ucciso un capo di Al-Quaeda. Con una bomba. Da un aereo. E il tasto lo aveva fatto premere al suo maggiordomo.

Il principe Harry aveva ucciso un capo talebano con una bomba. E ancora non ha capito che non era una volpe.

Guerra in Mali. Hollande annuncia: “L’Italia ci darà un grande aiuto. Organizzerà i trasporti”. È molto tempo che non vieni a Roma, vero?

Guerra in Mali. Hollande rivela: “L’intervento era già deciso. Lo abbiamo solo anticipato di 9 mesi”. Lo hai fatto per i nostri figli?

In Mali i soldati, durante le esercitazioni, risparmiano le munizioni facendo il suono degli spari con la bocca. E poi vagli a dire che la guerra non è un gioco.

Soldati che simulano gli spari con la bocca. È come se i politici simulassero la democrazia facendo promesse.

Un pensiero su “50. Ti sparo perché ti amo troppo

  1. Pingback: 100. Chi ben comincia | Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...