53. Dalla Russia con amore

pupazzo neve rapinaRussia. Approvata in prima lettura la legge anti gay. Sarà proibito anche parlarne. Nessuno dirà più “Attento alle spalle”.

Alcuni gay che protestavano sono stati aggrediti dai nostalgici comunisti. Ah, i bei tempi in cui Stalin mandava gli omosessuali nei gulag. Gli rovinavano il detto “Si lavora e si fatica per il pane e per la fica”.

I russi non potranno più parlare di omosessualità. Per capirsi dovranno ricominciare a usare le espressioni facciali.

Ve lo immaginate Putin che ammicca e fa l’occhiolino? Deve avere la palpebra che scende rigida come quella di cicciobello quando lo sdrai.

Altra legge proposta da Putin: per mantenere una carica politica o un ruolo di amministratore delegato in una società russa, bisognerà dimostrare di avere in Russia la propria residenza e il 90% del proprio capitale. Ovviamente lo scopo è mantenere nel sistema economico del paese i proventi della corruzione, del latrocinio e dello sfruttamento dissennato delle risorse naturali. In secondo luogo, mantenere sotto ricatto tutti quelli che fanno affari col governo. Qualcuno potrebbe obiettare che sarebbe più attraente l’idea di investire in Russia se non si fosse costantemetne a rischio di espropri, carcerazioni immotivate o semplici omicidi, ma l’ultimo che l’ha fatto ora sta sopra il caminetto di Putin che si vanta di averlo centrato al primo colpo senza che gli amici del Kgb lo tenessero fermo.

Putin sostiene una legge che gli consentirà di nominare i governatori regionali, abolendo le relative elezioni. Lo vuole il suo ideale pacifista. Non vorrebbe dover fare da altre parti quello che fa in Cecenia.

Putin vuole nominare i governatori anziché farli eleggere. Lui e Berlusconi sono diventati amici quando quest’ultimo gli ha prestato Calderoli.

Uno spettro si aggira per l’Europa. Beetlejuice, spiritello Porcellum.

In Italia il Presidente della Corte di Cassazione dichiara che Cosa Nostra è momentaneamente senza capo. Si chiamano “Elezioni”, bello.

(A onor del vero: ricordiamo che il Porcellum non fu voluto da Calderoli, ma da Casini)

(Secondo onor del vero: il TG3 fa un servizio in cui attribuisce le aggressioni ai gay russi agli estremisti cattolici. Che devono aver preso un aereo apposta dalla Polonia, visto che in Russia sono quasi tutti ortodossi. Insomma, le aggressioni sono state opera alcune degli estremisti ortodossi e altre dei nostalgici del regime e i giornalisti italiani sono ignoranti come capre.)

Un pensiero su “53. Dalla Russia con amore

  1. Pingback: 100. Chi ben comincia | Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...