78. Viva laggente, la trovi ovunque vai!

Io sono LaggentePd e Pdl hanno spaccato il Paese in due per così tanto tempo che ora si è spaccato in tre. Il primo effetto registrato è che le borse si inabissano e lo spread si impenna.

Naturalmente questo non è un probelma per Berlusconi, che sostiene da mesi che lo spread è un’invenzione. Se gli investitori internazionali vogliono tassi del 3.000% per finanziarci lui non si preoccupa, perché in Sicilia conosce degli strozzini che fanno delle condizioni migliori. È il libero mercato, baby.

E poi lui sa come reperire 80 miliardi all’anno senza ridurre i servizi. Lo ha detto da Floris. E se non lo ha fatto prima è perché era impegnato con la versione Beta di Ruzzle.

Non è un problema nemmeno per Grillo, perché tanto lui ha dichiarato che intende portare l’Italia al default e non pagare il debito pubblico. Dice che l’Ecuador lo ha fatto e ora riceve il petrolio gratis da quel simpatico sostenitore dei diritti umani che è Chavez.

“Riceve petrolio gratis” è una locuzione economica che purtroppo i non esperti non capiscono. Più o meno significa che sei tenuto per i coglioni da uno che, se smetti di fare quello che ti dice, trascina il tuo Paese in una guerra civile.

Da noi possiamo stare tranquilli, perché questo ruolo verrebbe interpretato da gente piena di empatia umana come Putin e da governi stabili come quello libico.

Non importa neppure al PD, perché è talmente chiaro che tutta l’attuale dirigenza dovrà essere spazzata via, che ormai stanno solo guardando sul catalogo della Francorosso in quale isola tropicale esiliarsi, spendendo il vitalizio da parlamentari in mojito e procaci giovanotte.

L’Italia corre verso il baratro, spinta da una classe politica ignorante e irresponsabile. Nessuno degli italiani voleva questo, eppure la somma delle volontà degli italiani ha prodotto quello che nessuno voleva. E ora stanno tutti a guardarsi in faccia gli uni gli altri, dicendosi: “Ehi, tu dovevi votare come me!”.

Comunque, timidamente, si cerca di capire che sarà di noi.

Napolitano, da bravo Presidente, interpreta il desiderio di tutti gli italiani. Il giorno dopo le elezioni prende l’aereo e va in Germania.

No, non è uno scherzo. Secondo me si è pure portato dietro l’argenteria del Quirinale.

Berlusconi questa volta non vuole passare per bugiardo. Farà di tutto per restituire davvero l’IMU. La sostituirà con una tassa chiamata LOL.

Intanto stamattina ha detto a Confalonieri di andare su Amazon e comprargli un po’ di grillini.

Bersani aveva detto: “Siamo in politica. O vinceremo noi, o vinceranno loro”. Non è riuscito a vincere neanche questa scommessa, e ancora qualcuno vorrebbe che facesse il Premier.

Grillo dice che non stringerà alleanze con nessuno. Romperà il cazzo finché non farà un governo da solo. E noi non lo sapremo mai, perché impedirà al suo Premier di andare in televisione.

Il Vaticano cerca di riportare l’attenzione su problemi seri. È stato chiesto a Padre Lombardi di prendere ufficialmente posizione: che titolo avrà Ratzinger da dopodomani?

L’ex Papa Benedetto XVI verrà chiamato “Pontefice Emerito”. L’ex onorevole Ginfranco Fini, “Emerito Coglione”.

Insomma, la situazione è questa: per qualche promessa del cazzo, ce la siamo fatto mettere in culo. Il voto è la vaselina d’Italia.

Come mi è capitato di dire ieri:

Il popolo è sovrano. Ma abbiamo inventato la Repubblica proprio perché accade che i sovrano non capiscano una sega.

PS: la prima frase del post di ieri mi è stata suggerita dal mio caro amico Simone, che mi sono dimenticato di ringraziare. La prima del post di oggi, invece, è la leggera modifica di un tweet di Tommaso Labate http://tommasolabate.com/info/ . Spero di non aver dimenticato niente. La foto l’ho trovata su google in vari siti, non ho chiesto il permesso a nessuno perché non capisco chi l’abbia creata.

Ah, sì. Ovviamente dopo lo tsunami e la morte politica di tutto il parlamento, ne resterà soltanto uno.

leggenda

3 pensieri su “78. Viva laggente, la trovi ovunque vai!

  1. Pingback: 100. Chi ben comincia | Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...