89. Piove, governo Cipro

pioggiaÈ lunedì. Sei tutto contento perché finalmente l’Italia si è decisa ad attuare quanto promesso dalla sinistra in campagna elettorale: la patrimoniale. Un prelievo forzoso sui conti correnti, una tassa sulle case, e insomma, chi possiede beni in Italia oltre un certo valore, se ne vede sottratti il 10%. è una idea semplice, ovvia, geniale. Come tutte le idee semplici e ovvie è già venuta in mente a qualcuno in passato. O pensavi davvero che Nichi Vendola fosse il più grande genio economico dell’umanità? Le patrimoniali sono state fatte in passato e hanno sempre avuto effetti recessivi. La storia umana è piena di idee semplici, ovvie e geniali come questa. E non solo la storia UMANA.

 conigli_suicidi pesi

È lunedì. Vai in banca perché pensi che magari potresti parlare col tuo direttore. La notizia della patrimoniale ti ha ridato fiducia e ottimismo. Anche i ricchi piangono, morte alla plutocrazia, e insomma ora basterà lavorare sodo e potrai comprarti una casa anche tu, chiediamo un mutuo.

Il direttore però non si fa trovare. “È, uhm, fuori città per una riunione”, dice l’impiegato, con la serenità di un uomo che deve affrontare una gara di rutti con Bud Spencer.

“Quando lo posso trovare?”, chiedi. “Uhm, non saprei, magari domani”, dice l’impiegato, sudando come Giuliano Ferrara a una gara di Triathlon.

Ma tanto è una giornata felice, una giornata che nessuno ti potrà rovinare. “Vabbe’, già che sono qui, mi faccia vedere un mio estratto conto”.

“Subito”, dice l’impiegato, ormai coperto da uno strato di unto, che gli basta toccare un foglio per farlo diventare trasparente.

Dopo diversi tentativi riesce finalmente a darti un foglio leggibile. E tu scopri che hai perso il 6,5% di quello che possedevi. Avevi 10.000 euro da parte? Ora sono 9.350.

Ovviamente sei incazzato e minacci fuoco e fiamme, ma l’impiegato ha una targhetta in metallo, attaccata la bordo della scrivania, nascosta dove tu non puoi vederla. Una targhetta che gli hanno insegnato a guardare quando tutto sembra perduto e l’agitazione prende il sopravvento. Quando lui, umile ingranaggio di una potente catena, rischia di interagire da uomo con un altro uomo anziché da, appunto, umile ingranaggio.

Nella targhetta c’è scritta la formula della saggezza: “NIENTE PANICO. IN CASO DI DIFFICOLTÀ DITE CHE LO HA VOLUTO L’UNIONE EUROPEA”.

Questa è la formula magica che paralizza un po’ tutti. Fino a qualche tempo fa funzionava così bene che Monti avrebbe potuto mettersi un cappello grigio a falde larghe, impugnare un bastone e pronunciarla con lo stesso tono con cui Gandalf grida: “TU NON PUOI PASSARE!”

Oggi purtroppo, dopo un anno di Monti e Grecia e Spagna sentiamo sempre di più la voce che dice “FUGGITE, SCIOCCHI!”, ma questa è un’altra storia.

È lunedì. E come tutti i lunedì è ora una giornata di merda.

A Cipro il lunedì è stato un po’ così. Cipro è un paesino del cazzo che nel tempo stava portando avanti la tipica politica economica da paesino del cazzo: riciclare denaro dei mafiosi russi e turchi. Poi, essendo lì in mezzo alla Grecia, per evitare migrazioni di massa e ulteriori tensioni tra la metà dell’isola greco-cipriota e la metà turco-cipriota, si pensa bene di esporsi acquistando una quantità enorme di debito pubblico greco. “Tanto la Germania mica li farà fallire, ci pagheranno un sacco di interessi e terremo il nostro vicino per le palle”.

Il piano machiavellico ha funzionato così bene che ora il Presidente dell’Associazione Banche di Cipro ora lo chiamano Willy E. Coyote.

Tanto per cominciare, le banche cipriote erano piene di denaro russo. Tutti quelli capaci di fare un po’ di insider trading hanno spostato i loro soldi in anticipo e così la UE è stata costretta a prelevare denaro anche dai conti correnti meno ciccioni.

In secondo luogo, ora la Russia si rifiuta di prestare soldi a Cipro e minaccia di sospendere le forniture energetiche.

In terzo luogo, la sfiducia creata nei mercati ha portato un sacco di investitori a vendere euro e azioni di banche europee, facendo crollare le borse.

Poi diciamo che una tassa che non avviene per regolamentare un mercato, ma per rubare denaro nottetempo è l’equivalente economico della notte dei lunghi coltelli, ma se diamo dei nazisti ai tedeschi questi si offendono, quindi fate finta che io non abbia detto nulla.

Non bisogna far fallire lo stato? Non bisogna far fallire le banche? Forse è vero che le conseguenze sono imprevedibili, ma se partiamo dal principio che gli attori privilegiati devono essere salvati indipendentemente dai propri errori, anche in malafede, non siamo né al liberismo né al socialismo, ma ad una specie di nuovo feudalesimo.

Ma l’Unione Europea, lungi dal rimettere mano integralmente alle regole, si limita a minimizzare: “Cipro è una realtà piccola”, che è come dire “Ho stuprato quella donna, ma era solo una popolana”.

Manca poco agli insulti. “Caro cittadino, recepiamo le Sue lamentele, ma con la Sua competenza dei meccanismi economici è degno malapena di annusarci le mutande usate. Cordiali saluti, Jean-Claude Juncker”.

Ma forse nemmeno ci degnerebbero degli insulti. Perché la cosa più grave è lo scandaloso silenzio dei media italiani. Ieri sulla homepage di Corriere e Repubblica la notizia nemmeno appariva. Oggi appare solo su Repubblica. Magari lunedì prossimo apparirà sui vostri conti correnti.

 Qualche articolo su Cipro:

Il Post: http://www.ilpost.it/2013/03/17/i-primi-problemi-con-il-salvataggio-di-cipro/

Huffington post: http://www.huffingtonpost.it/2013/03/18/crisi-cipro-lallarme-di-g_n_2899059.html?ncid=edlinkusaolp00000003

Ansa: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2013/03/18/Milano-affonda-apertura-ftse-mib-2-8-_8417646.html

La voce.info http://www.lavoce.info/cipro-un-altro-pasticcio-europeo/

Wired: http://money.wired.it/finanza/2013/03/18/cipro-paura-mercati-6895678.html

Linkiesta: http://www.linkiesta.it/cipro-russia-putin

Un pensiero su “89. Piove, governo Cipro

  1. Pingback: 100. Chi ben comincia | Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...