104. Rodo tànto

yousilvioFranco Marini candidato ufficiale del PD. Se bastava un anziano cattolico con problemi con la giustizia, allora andava bene anche Michele Misseri.

La strategia del PD è stata disegnata dagli ingegneri che hanno costruito la Morte Nera.

Un voto anche per Valeria Marini. Preferireste una che disegna mutande o uno che ha bisogno del pannolone?

(Molto apprezzabile il parlamentare che ha votato per la Marini. Però se votava l’anguilla era meglio.)

Un voto (poi annullato) per Mara Carfagna. Interessante paradosso. Non ha 50 anni e non può essere eletta, ma quando avrà 50 non ci sarà nessuna ragione per votarla.

Il voto per Mara Carfagna mi ricorda la celebre frase di Cossiga: “Non chiedete: ci sono delle verità che stanno sopra il tavolo e altre che stanno sotto il tavolo”.

Un voto per lo storico cattolico oltranzista Franco Cardini. Il cardinale che lo ha votato è arrivato a Roma in ritardo.

Un voto per Milena Gabanelli. “Daje Milena, fai la Presidente che tanto è solo per tre mesi, poi si gira”.

Due voti per la Cancellieri. Ma erano stati lanciati da fuori e sono rimbalzati dentro l’urna.

Voti per Franco Marino, Francesco Marini, Marini F., poi sono arrivati i corazzieri e hanno buttato fuori quelli che stavano giocando al telefono senza fili. Erano appena arrivati a Max Mara.

Voto per Margherita Hack. Pur di non accordarsi con Berlusconi alcuni del PD voterebbero anche il diavolo (per capire questa vi invito a leggere questa bella STORIA ).

Voto per Margherita Hack. Poi “La zanzara” pure Barack Obama e ci divertiamo un sacco.

Voto per Veronica Lario. In linea con la tattica tradizionale del PD: Berlusconi ti ha fottuta per anni e allora tu ti rivolgi al giudice.

Sette voti per Anna Finocchiaro. Che aveva dichiarato: “Marini rappresenta benissimo il Paese. Questa base che dice non votate Marini non l’ho sentita”. E sì che lei va a fare la spesa al supermercato come tutta la gente comune.

Voto per Ghandi. La nuova tattica del ministro Terzi.

Undici voti per Chiamparino, il sindaco delle Olimpiadi invernali di Torino. L’uomo giusto per un Paese in discesa.

Voto per Claudio Magris. Ex senatore, professore universitario, fortemente sospetto di essere addentro con la massoneria, da anni in odore di Nobel. Dategli uno di quei fogli e una matita, vediamo se ci scrive lui qualcosa di decente.

Un voto a Santo Versace. È mancato il Santo Subito.

Un voto a Santo Versace. Anche lui fa dei tagli mica male.

Un voto pure a Bersani. Che così è riuscito a perdere un’altra volta con se stesso. I numerosi voti per D’Alema dicono qualcosa sui franchi tiratori. Nel PDL naturalmente.

Orale, anale, vaginale. A Berlusconi manca solo il Quirinale.

(Selen twitta: neanche quando facevo l’attrice hard ho visto coglioni così grossi.)

L’attrice e cantante Amanda Seyfreir svela il suo segreto: mentre canto immagino che mi stiano facendo sesso orale e rendo al meglio. Avete capito quel sorriso di Berlusconi da Santoro?

A parer mio il PD sa di essere sotto scacco, nell’immediato. Se si va alle urne, è nelle peste. Se fa l’accordo con Berlusconi, è nelle peste. L’unica arma che ha è il Presidente della Repubblica. Non accetterà mai un uomo indipendente perché vuole avere per i prossimi sette anni un Presidente servile, disposto a mediare, ma con una strizzatina d’occhio di favore alla vecchia nomenclatura del PD. Quella che ha favorito Bersani e segato le gambe a Renzi per capirci. E infatti ecco che i renziani hanno risposto picche. In particolare sono persuaso che all’interno del PD ci sia ormai chiaro un nome di chi dovrà fare il Presidente del Consiglio: il Presidente della repubblica sarà una persona che garantirà l’incarico a quel nome, magari spacciandolo per una scelta sua propria presa indipendentemente. Berlusconi a sua volta vuole qualcuno con cui sa bene come trattare. Amato, D’Alema e Marini vanno benissimo, se non alto perché hanno in comune con lui qualche problemino con la giustizia e un passato che definirlo scomodo gli si fa un complimento. È chiaro che la base del PD è scontenta: quelli più di sinistra, piuttosto che appoggiare un candidato che piace a Berlusconi si taglierebbero le palle e ci giocherebbero a tennis; i fautori del nuovo che avanza, non possono tollerare di vedere un ottantenne ex democristiano rinviato a giudizio assieme a Dell’Utri. Ai dalemiani rode il culo, perché chiaramente D’Alema non si era ricandidato in Parlamento perché aveva intenzione di fare il padre nobile del partito e diventare Presidente della Repubblica. Va inoltre tenuto in considerazione che il PD ha mostrato più volte negli ultimi anni che gli va benissimo di essere il secondo partito d’Italia, pur di mantenere ai propri vertici sempre le stesse persone. D’Alema e Bersani sono persone potentissime anche quando non sono al governo. Perché mai dovrebbero dare strada libera a Renzi o a qualche idealista fuori controllo? Idem per il Pdl, che ha buttato fuori o messo ai margini tutti gli intellettuali liberali che si erano accostati a Forza Italia o Alleanza Nazionale nel 1994. In tutto ciò ovviamente chi si avvantaggia in termini di immagine è Grillo, il quale ha mostrato che i partiti vedono gli indipendenti, per quanto autorevoli, come fumo negli occhi. Ma i nostri navigati politici hanno ormai imparato che gli italiani hanno la memoria corta e che l’incazzatura di oggi ha meno peso delle poltrone di domani. O della legge elettorale di dopodomani.

E intanto la rosa dei candidati è diventata un cetriolo.

PS: la battuta di chiusura è degli articolisti anonimi. Seguite @articolisti e @chinonmuore1 su twitter!

 

3 pensieri su “104. Rodo tànto

  1. loscalzo1979

    Il voto per Mara Carfagna mi ricorda la celebre frase di Cossiga: “Non chiedete: ci sono delle verità che stanno sopra il tavolo e altre che stanno sotto il tavolo”.

    Sono MORTO e RISORTO diverse volte nel leggere questa XD

    Rispondi
  2. Pingback: 200. The Ultimate Warrior vs Renzi vs Grillo | Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...