150. Un governo di sfigati

gandalf polveriniIl Governo si sta dando da fare per promuovere un’azione coordinata, coerente e consapevole sul Paese. Per dimostrarlo, ieri Letta ha dichiarato: “Il Governo è molto più solido di quanto si pensi”. Contemporaneamente, in un’altra aula, il Ministro Bonino dichiarava: “Governare in questa situazione è virtualmente impossibile“.

Ecco quindi stabilita la linea: il governo durerà, ma senza governare.

Il premier si è dato traguardi ambiziosi. Per esempio, diventare uno dei paesi col più basso tasso di femminicidi al mondo. Cosa che del resto siamo già, come ampiamente dimostrato in QUESTO POST,, per cui per una volta l’obiettivo potrebbe anche essere raggiunto.

Per sabotare il governo però, i falchi del Pdl sono disposti a tutto. Per esempio, l’amabile Renata Polverini si è messa a dichiarare che “I disoccupati sono degli sfigati che stanno a casa ad aspettare i soldi”, col chiaro intento di farsi ammazzare da un disoccupato e alzare così il tasso di femminicidi.

Lo spirito di sacrificio e la mancanza di buon gusto della Polverini sono stati apprezzati all’interno del partito, in particolare dalla Santanché che l’ha nominata sua erede spirituale e materiale. “Se dovesse accedermi qualcosa” – le avrebbe detto in una riunione riservata – “Voglio che sia tu a prenderti cura del mio botulino”.

Renata Polverini: “I disoccupati sono sfigati che stanno a casa ad aspettare i soldi”. Nel senso di “Aspetta e spera”.

Renata Polverini: “I disoccupati sono sfigati che stanno a casa ad aspettare i soldi”. Anziché farseli spedire nei luoghi di villeggiatura.

Ecco la breve storia comica di Renata Polverini, colei che anziché stare a casa ad aspettare i soldi se li è andata a prendere mandando in malora il Lazio.

“I disoccupati sono sfigati che stanno a casa ad aspettare i soldi” sarebbe stato detto dalla Polverini durante la discussione del decreto lavoro – suscitando lo sdegno dei deputati M5S che hanno denunciato la cosa sul web.

“Mi hanno frainteso, li querelo”, ha poi dichiarato la Polverini. “Ho detto sfigati solo nel senso di sfortunati”. E poi ancora si è difesa dicendo CHI CAZZO SE NE FREGA DI COSA HA DETTO LA POLVERINI, CAZZO. Questa è così sfacciata che al confronto Capezzone è un fine maestro di pensiero. La Polverini è quella che ha messo Fiorito, Er Batman, nella posizione in cui era, e quando poi l’hanno scoperto a rubare vagonate di soldi ha cercato di farsene quasi un merito pubblicando cartelloni con scritto “Questa gente la mando a casa io”.

Renata Polverini, la tua esistenza è un insulto ai disoccupati. Il fatto che tu percepisca uno stipendio lautissimo anziché marcire in galera è un insulto ai disoccupati. Il fatto che tu ti definisca liberale è un insulto ai liberali, che tu ti definisca un politico è un insulto alla politica.

Vi prego di leggere QUESTO PEZZO che scrissi tempo fa su di lei per capire, perché davvero è incredibile che una persona del genere sia lì e parli da una posizione privilegiata anziché essere mandata a fare la controfigura di Theon Greyjoy per le scene dolorose.

theon

Vi ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e iscrivervi al gruppo di Chi Non Muore a QUEST’ALTRO LINK.

Un pensiero su “150. Un governo di sfigati

  1. Pingback: Chi Non Muore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...