Archivi tag: Disney

159. Thor & Miley make a porno

Thor e MileySi conclude il G20 ed è un Letta entusiasta quello che si presenta davanti ai giornalisti: “Per una volta possiamo dire che l’Italia non è stata trattata come la bambina da mettere in punizione dietro la lavagna”.

Dunque, chiedono i giornalisti, le vostre misure sono state approvate? Avete concluso proficue trattative? “A dire il vero non si è mai parlato di Italia, c’erano problemi più urgenti.”

Letta è come una di quelle ragazzine del liceo che si eccitano sessualmente per i ragazzi che non le cagano di pezza.

Capitelo. Berlusconi lo minaccia, Schifani giura che non durerà, Brunetta è così incattivito che tra un po’ prenderà ad andare in giro con l’ascia come lo gnomo di Mistero. Quando ha provato a parlare con Obama, si è sentito rispondere che ha più futuro Assad.

(Qualcuno deve spiegarmi la politica estera di Obama. In che modo è un successo che ora le armi chimiche della Siria le avrà la Russia?)

(Intanto è stato liberato il giornalista rapito dai siriani, Quirico. Le sue prime parole sono state per avvisarci che la rivoluzione non è laica e democratica, ma guidata da integralisti e tagliagole. Ora per zittirlo Obama bombarderà pure l’Italia)

(Quirico riferisce: “Non sono stato trattato bene”. Un altro choosy.)

(Notizie dai social network: c’è un certo Quiri51 che ha lasciato un commento negativo sulla Siria su tripadvisor, ma Assad gli ha proposto di tornare a sue spese.)

Intanto in Italia tiene banco ancora Berlusconi. Se decade dalla carica, minaccia di far cadere il governo. Se non decade, gli elettori del PD minacciano ritorsioni. Mi sa che stanno entrambi cercando un paio di senatori del PD disposti a fare la figura dello Scilipoti di turno.

(A proposito, Scilipoti fa causa a Grillo che usa “Scilipoti” come sinonimo di traditore. E gli va ancora bene: Vincenzo Monti passò tutta la vecchiaia a dire “Tommasei” per intendere “coglioni”.)

(Le leggi sulla tutela dell’onore non dovrebbero valere per gli onorevoli.)

A difesa di Scilipoti bisogna dire che sì, è andato con Berlusconi. Ma ha tradito Di Pietro!

Cioè, è un po’ come se scopriamo che quella stangona della moglie di Brunetta gli mette le corna.

Tutti parlano della possibile decadenza di Berlusconi da Senatore. Il piano di emettere la decisione il giorno che gioca la nazionale stavolta non ha funzionato.

(Ancora non mi capacito di Scilipoti che si sente leso nell’onore. Dev’essere come quel meccanismo per cui senti ancora male alla gamba dopo che te l’hanno tagliata.)

Insomma, se vi sembra che in questo post si sia detto poco, è perché volevo rendere questa sensazione appiccicosa di rinvii, sospensioni, paure, di equilibri instabili, di impossibilità o incapacità a prendere decisioni. Cambia più l’immagine di Miley Cyrus in una settimana che la politica italiana in venti anni.

(Per chi non lo sapesse: l’ex ragazza dolce della Disney ha appena girato un video in cui, nuda, lecca un martello. Dedicato a chi non batte chiodo.)

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e che è un modo bello e gratuito per supportare chi scrive.

 

130. Milano, Illinois.

paperino mein kampfRaduno neonazista a Milano. Io non sono potuto andare, ero impegnato a non dimenticare.

Raduno neonazista a Milano. Antisemitismo, statalismo, inni a Hitler. Un concentramento di idiozia.

Raduno neonazista a Milano. Nell’ambito dei festeggiamenti per il gemellaggio con l’Illinois.

Raduno neonazista a Milano per festeggiare il compleanno di Hitler. E in Turchia i poliziotti sparano con l’idrante a un disabile in carrozzina. Protesta Erdogan: “Per contare come candelina dovevate prima accenderlo.”

Ok, questa protesta in Turchia deve finire. Date ai poliziotti turchi il permesso di venire anche loro a Milano, basta che la smettano.

Mi viene il voltastomaco a parlarne. Prima o poi riusciremo a sdrammatizzare con delle barzellette, come abbiamo fatto con le barzellette sui nazisti. Ne sta già studiando qualcuna il testimone di nozze della figlia di Erdogan, Silvio Berlusconi.

IL PAPA AMMETTE: “Esiste una lobby gay in Vaticano.” E trama all’ombra dell’osteria numero uno.

(Una lobby gay in Vaticano! Sconvolgente! E chissà quanti preti nascosti nel mondo della moda.)

‘Sta storia della lobby gay in Vaticano è tutto un casino montato sul niente. Il Papa aveva detto “HOBBY”.

Il Papa vuole mettere in riga la lobby gay presente in Vaticano, ma non ci riesce perché loro vogliono fare il trenino.

Il Papa: “San Pietro non aveva un conto in banca.” Non aveva un lobby gay a garantire per lui.

Dio ha creato l’uomo a Sua immagine e somiglianza e ora il mondo è pieno di gente che ti dice come vivere la tua vita.

Marino non va al #GayPride. Per spegnere le polemiche toglierà il sellino alla bicicletta.

Italiani incontentabili. Marino assalito dalle polemiche perché, in un momento difficile per la nazione e la città che amministra, non va a ballare in perizoma di pelle con gente vestita da pornosuora. E il povero Berlusconi è stato oggetto di polemiche per averlo fatto.

(A proposito di Berlusconi: secondo inquietanti indiscrezioni, chiese ai servizi segreti di eliminare il Rais. Ci andarono così vicino che da un po’ in TV non si vede Platinette.)

gunplay

Machismo. Il rapper Gunplay esalta la sua virilità tatuandosi la cintura di campione del mondo di wrestling. Una disciplina in cui vinci stando sopra per 3 secondi.

3 secondi di durata! Il rapper Gunplay dev’essere del Movimento 5 Stelle!

Sport. L’allenatore francese Rudi Garcìa firma con la Roma e la fidanzata subito lo lascia. Proprio potente questa lobby gay in Vaticano.

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e iscrivervi al gruppo Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK.

127. Credevo fosse amore, invece era interesse

vero_amore_001Hanno fatto scalpore le dichiarazioni di Nicole Minetti al processo Ruby in cui l’ex consigliere regionale della Lombardia rivendica con orgoglio di avere avuto  con Silvio Berlusconi. “Un sentimento d’amore vero” afferma Nicole, pensando sognante al figlio che non hanno mai avuto e che erano già d’accordo di chiamare Piercontoinbanca Berlusconi.

La storia romantica di una giovane donna che parla dei suoi sogni con un uomo virile e capace. Come quando confessa a lui, Presidente del Consiglio e fondatore del primo partito del Paese, che le sarebbe tanto piaciuto fare politica e “quasi per caso si presenta un’opportunità”. Grazie a Don Verzè. I maligni sostengono che dire che lei è entrata in politica grazie alla stima di Don Verzè e non perché si portava a letto l’uomo più potente d’Italia è come dire che gli ordini di Stalin non venivano eseguiti perché era un dittatore sanguinario e inflessibile, ma perché nessuno poteva resistere ai suoi baffoni pucciosi alla Whisky di Lilli e il vagabondo.

stalin sorridente

whisky lilli

Ma si sa, le malelingue sono una piaga sociale. Per fortuna il Pdl non intende tergiversare. Contro il mondo materialista della sinistra, che ironizza con frasi come “era il culo flaccido della sua vita”, mostrando così la propria meschina incapacità di dare il giusto peso ad aspetti come l’integrità, l’intelligenza e il carisma personale, Angelino Alfano intende organizzare davanti al Tribunale di Milano una manifestazione di solidarietà di badanti ukraine e moldave, rigorosamente accompagnate dai loro mariti ottuagenari. Per evitare polemiche, non saranno date alle partecipanti i 10 euro che furono pagati ai manifestanti di Brescia. Per contro, le badanti più piacenti saranno invitate ad Arcore per una cena esclusiva.

Il caso della Minetti, peraltro, non è isolato. Da sempre amori tenerissimi sono stati screditati perché non rispondevano ai canoni più comuni. Ecco alcuni esempi.

lucia mondella

1) Lucia Mondella e Don Rodrigo. Il moralismo cattocomunista di Manzoni lo spinse a travisare apertamente una storia onesta e attuale. Don Rodrigo, uomo colto ma rude, incapace di esprimere i suoi sentimenti senza mascherarli da machismo e prevaricazione, e tuttavia rispettoso dell’istituto del matrimonio. Tanto da vedere, nel matromonio stesso, un ostacolo alla sua passione. Lucia Mondella, una ragazza in fuga dal paesino natale, cerca inutilmente un posto dove nessuno la conosca per potersi divertire un po’ senza essere additata come zoccola. L’amore che avrebbe potuto essere tra due persone che si opponevano alle convenzioni del tempo. Poi Manzoni ha ricamato sulla storia per poter vendere in edizione economica alle parrocchiane.

Ramirez e Lioy

2) Richard Ramirez e Doreen Lioy. Qui a travisare non furono i giornali di sinistra, ma, al contrario, la stampa retrograda repubblicana. Quando Richard Ramirez cominciò a stuprare e uccidere persone a Los Angeles inneggiando a Satana, i mass media conservatori non persero occasione per bollarlo con l’etichetta di Serial Killer. Non vi dico, poi, quando emerse che era di etnia ispanica. Eppure, come non commuoversi di fronte al disperato bisogno di affetto e sicurezze di un uomo che risparmiò volentieri una sua vittima, dopo averla sodomizzata puntandole una pistola alla testa, quando questa lodò le sue prestazioni sessuali? A capire il complesso e delicato animo umano che si celava dietro l’apparente aggressività fu la giornalista freelance Doreen Lioy, che scrisse quasi 80 lettere in carcere al reo confesso Ramirez, finché questi non le chiese teneramente per posta di sposarlo. Secondo alcuni, Ramirez era madrelingua spagnola e anziché “sposami” intendeva “buzzicona infame portami una lima”. Ma tant’è, si unirono in eterno amore nel carcere di San Quintino. La Lioy costruì su questo fatto una carriera, ereditò tutti i diritti d’autore sulle opere basate su Ramirez e annunciò più volte che si sarebbe suicidata il giorno in cui Ramirez fosse morto. Ramirez è scomparso all’affetto dei suoi cari tre giorni fa, ma Doreen Lioy quel giorno non ha potuto suicidarsi perché era impegnata a rifarsi il seno. Di qui numerosi attacchi che la accusarono di aver strumentalizzato la vicenda. Del resto Ramirez dichiarò sempre che dopo la morte “Ci rivedremo a Disneyland” ed è con sincero amore muliebre la Lioy ha deciso di restare viva in attesa di quel momento.

Prodi e d'alema

3) Massimo D’Alema e Romano Prodi. Numerose volte accusati di odiarsi, in realtà intrattengono una storia d’amore sin dal 1992, quando stipularono un accordo segreto per cacciare Rodotà dalla Presidenza del Partito Democratico della Sinistra. Il fatto è stato recentemente scoperto da alcuni grillini, fondatori del sito “Rodotà Presidente di tutti”, poi dichiarati eretici in seguito alle critiche di Rodotà a Grillo e attualmente impegnati ad espiare le loro colpe nel deserto del Gobi. I due padri del Partito Democratico non solo si amano da anni, ma si sono anche sposati segretamente in Olanda e le intercettazioni che hanno messo nei guai Giovanni Consorte sarebbero un gigantesco errore giudiziario. D’Alema aveva chiamato il suo consorte, i giudici non capirono, in una discussione su quanto stava bene Prodi nudo col grembiule da cucina si vollero vedere segreti significati massonici.

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e iscrivervi al gruppo Facebook di Chi Non Muore a QUEST’ALTRO LINK e che entrambe le cose mi faranno molto piacere.

PS Sul tema di oggi consiglio anche la visione di che oltre a mostrare un diverso volto di Berlusconi da anche, a parer mio, un’idea diversa di cosa vuol dire intercettare e diffondere le telefonate. Volutamente non commento e lascio lo spazio a voi, se credete.

91. Cinque fatti porno sulla Disney

biancaneve nudaForse non tutti sanno che i giornalisti di Corriere.it sono stati in sciopero tre giorni. La situazione politica italiana è talmente statica che uno poteva visitare la pagina tutti i giorni e non accorgersene nemmeno. “Ah, Bersani vuole ancora un governo col M5S” “Ah, Grillo vuole ancora governare da solo” “Ah, Dell’Utri ancora rinviato a giudizio”.

Insomma, se non voglio finire a fare battute sulla morte di Mennea e su Berlusconi che si dice favorevole a un governo di SCOPO, oggi propongo qualcosa di diverso.

Cinque fatti porno poco noti sulla Disney.

Il caso più noto. Non si capisce bene come sia successo, ma durante una scena di Bianca e Bernie appare da una finestra una donna con le poppe al vento e una specie di maschera da diavolo. Uno scherzo alla capoufficio? Un modo per dire alla fidanzata del disegnatore “Sei una bella topa”?

 

La torta nuziale di Ariel. Nelle scene tagliate del film, il principe ha una inspiegabile caduta di stile e durante la prima notte di nozze chiede all’eroina: “Lo vuoi vedere il gamberone?”. Come è potuto succede? Il fatto è che i messaggi subliminali funzionano.

 Disney gambero cazzo

Stesso film. Qui il messaggio subliminale ha funzionato anche troppo bene con un bel po’ di preti americani, attualmente in carcere per lo scandalo pedofilia. Questa immagine prova che non è tutta colpa loro, sono stati plagiati. La Disney si è difesa sotenendo che fosse un ginocchio.

disney vescovo erezione

Topolino. Topolino ci insegna che bisogna usare il cappuccio. E inoltre pare confermare la leggenda metropolitana sulle doti nascoste dei nani col nasone. Quello dovrebbe essere un cappello. E chissà perché Minni sorride.

disney cazzo

Infine… vi siete mai chiesti qual è stato il primo film in assoluto a usare esplicitamente la parola “vagina”? Ovviamente un film della Disney. Un bellissimo cartone in cui si spiega alle ragazze cosa sono le mesturazioni. Salvo colorare il sangue di bianco in certe scene per non turbare troppo le adolescenti. Che al primo contatto ravvicinato con un uomo si saranno poste un sacco di domande.

Vi ricordo che se volete seguire Chi Non Muore su Facebook, basta clickare Mi Piace su questa pagina https://www.facebook.com/ChiNonMuore – è un buon modo per riprendervi se siete rimasti traumatizzati!