Archivi tag: sesso

159. Thor & Miley make a porno

Thor e MileySi conclude il G20 ed è un Letta entusiasta quello che si presenta davanti ai giornalisti: “Per una volta possiamo dire che l’Italia non è stata trattata come la bambina da mettere in punizione dietro la lavagna”.

Dunque, chiedono i giornalisti, le vostre misure sono state approvate? Avete concluso proficue trattative? “A dire il vero non si è mai parlato di Italia, c’erano problemi più urgenti.”

Letta è come una di quelle ragazzine del liceo che si eccitano sessualmente per i ragazzi che non le cagano di pezza.

Capitelo. Berlusconi lo minaccia, Schifani giura che non durerà, Brunetta è così incattivito che tra un po’ prenderà ad andare in giro con l’ascia come lo gnomo di Mistero. Quando ha provato a parlare con Obama, si è sentito rispondere che ha più futuro Assad.

(Qualcuno deve spiegarmi la politica estera di Obama. In che modo è un successo che ora le armi chimiche della Siria le avrà la Russia?)

(Intanto è stato liberato il giornalista rapito dai siriani, Quirico. Le sue prime parole sono state per avvisarci che la rivoluzione non è laica e democratica, ma guidata da integralisti e tagliagole. Ora per zittirlo Obama bombarderà pure l’Italia)

(Quirico riferisce: “Non sono stato trattato bene”. Un altro choosy.)

(Notizie dai social network: c’è un certo Quiri51 che ha lasciato un commento negativo sulla Siria su tripadvisor, ma Assad gli ha proposto di tornare a sue spese.)

Intanto in Italia tiene banco ancora Berlusconi. Se decade dalla carica, minaccia di far cadere il governo. Se non decade, gli elettori del PD minacciano ritorsioni. Mi sa che stanno entrambi cercando un paio di senatori del PD disposti a fare la figura dello Scilipoti di turno.

(A proposito, Scilipoti fa causa a Grillo che usa “Scilipoti” come sinonimo di traditore. E gli va ancora bene: Vincenzo Monti passò tutta la vecchiaia a dire “Tommasei” per intendere “coglioni”.)

(Le leggi sulla tutela dell’onore non dovrebbero valere per gli onorevoli.)

A difesa di Scilipoti bisogna dire che sì, è andato con Berlusconi. Ma ha tradito Di Pietro!

Cioè, è un po’ come se scopriamo che quella stangona della moglie di Brunetta gli mette le corna.

Tutti parlano della possibile decadenza di Berlusconi da Senatore. Il piano di emettere la decisione il giorno che gioca la nazionale stavolta non ha funzionato.

(Ancora non mi capacito di Scilipoti che si sente leso nell’onore. Dev’essere come quel meccanismo per cui senti ancora male alla gamba dopo che te l’hanno tagliata.)

Insomma, se vi sembra che in questo post si sia detto poco, è perché volevo rendere questa sensazione appiccicosa di rinvii, sospensioni, paure, di equilibri instabili, di impossibilità o incapacità a prendere decisioni. Cambia più l’immagine di Miley Cyrus in una settimana che la politica italiana in venti anni.

(Per chi non lo sapesse: l’ex ragazza dolce della Disney ha appena girato un video in cui, nuda, lecca un martello. Dedicato a chi non batte chiodo.)

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e che è un modo bello e gratuito per supportare chi scrive.

 

155. Per quest’anno non cambiare

einstein-simple-thingsI sostenitori del Principio Antropico osservano che, se una sola delle costanti fisiche dell’universo fosse diversa, anche di pochissimo, la vita come noi la conosciamo sarebbe impossibile. Da questo fatto deducono che vi sia una intelligenza superiore che ha preordinato tutto perché l’uomo potesse nascere, svilupparsi ed evolversi fino ad acquisire la conoscenza scientifica necessaria a devastare l’ambiente fino a smettere di esistere.

Allo stesso modo io mi sentirei di osservare che l’Italia è una specie di sistema chiuso con le sue costanti, senza le quali l’italiota non potrebbe prosperare fino all’autodistruzione. Ecco quindi l’elenco di tre cose che in Italia non cambiano mai.

Pisa_merda_Einstein

1) Il mio vicino è il mio nemico. Falchi e colombe del Pdl si azzannano l’un l’altro, la Santanchè insulta Gasparri, Gasparri insulta la Santanchè (succede: per una volta hanno ragione entrambi), il PD si spacca fino agli atomi, il Movimento 5 Stelle perde un senatore ogni due settimane. E poi D’Alema organizza una bella conferenza stampa per dire che vede Renzi premier e che Letta, invece, non ha futuro, scatenando un vespaio. E insomma, dopo 800 anni stiamo ancora a vedere se la spunta il pisano o il fiorentino.

kenny morto

2) Il Governo sta sempre per cadere. Non c’è mai stato un Governo che non fosse in bilico, minacciato da una maggioranza divisa, scissa, litigiosa e pronta a tornare alle urne. Tre mesi dopo aver unito l’Italia pure Cavour, al governo da 10 anni in Piemonte, capita la mala parata, decise saggiamente di morire. Vivere in Italia vuole anche dire abituarsi a quanto sia ingannevole il tramonto costante di tutte le cose. I governi cadono in continuazione, sono perennemente impossibilitati a decidere qualcosa, ma la loro morte politica assomiglia a quella di Kenny in South Park. Aspetta la prossima puntata e nessuno si ricorderà della sua ultima, atroce fine.

gesù imbarazzato

3) Il leader politico si paragona a Gesù. L’ultimo e il più assiduo in questa pratica è ovviamente Silvio Berlusconi, già definitosi in passato “un Cristo prestato alla politica” e “l’unto del Signore”. La scorsa settimana è stato Alfano a dire che “il processo a Berlusconi deve farci pensare a quello di Gesù”, così incautamente svelando il suo programma di approvare l’amnistia dopo soli tre giorni.

Già pronta anche la nuova difesa nel Processo Ruby: “Non erano orge, era un’elegante ultima cena con burlesque”.

Silvio di Nazareth intercettato mentre spezzava il pane dicendo “Si lavora e si fatica per il pane e per…”

Silvio di Nazareth fa spuntare le aureole. Dei capezzoli.

Per colpa di Silvio di Nazareth il governo cammina su acque agitate.

Anche qui comunque ci sono antecedenti. Un’attività sessuale sfrenata non impedisce di paragonarsi a Gesù. Alessandro VI Borgia diede scandalo partecipando a numerose orge, sia prima che dopo la sua ascesa alo soglio papale, in particolare nell’ottobre del 1501 pare si sia intrattenuto con 50 prostitute, suo figlio Cesare e sua figlia Lucrezia.

Anche se si paragonano a Gesù, dunque, non aspettiamoci miracoli dai nostri politici. L’Italia al momento è fatta così. Parafrasando Cavour: “Se vogliamo cambiare l’Italia, dobbiamo prima di tutto cambiare gli italiani”.

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e che è sempre un bel modo per supportare chi scrive.

153. The burned identity

kamasutra delle ombreC’è una barzelletta che mi raccontavano quando ero bambino. In televisione comincia la diretta dell’incontro di pugilato dei pesi massimi e il telecronista comincia a caricare gli spettatori. “Un match attesissimo e incredibile” dice “Tra Jackson e Beckson”. “Il campione in carica, Jackson, è quello sulla destra, no aspettate, continuano a muoversi, ora è a sinistra, mi sa che non avete capito quale intendo. Allora, Jackson, il campione in carica, è quello coi capelli corti. Ma in effetti anche Beckson ha i capelli corti. Però Jackson è quello con la guardia mancina. Ma anche Beckson, ora che ci penso, è mancino. Ecco, Jackson è quello coi pantaloncini rossi. Come anche quelli di Beckson. Mi spiace, amici da casa, non so proprio come farvi capire qual è Jackson e qual è Beckson.”

Ovviamente, uno dei due è bianco e l’altro è nero.

Quella che allora era una barzelletta, sta oggi per diventare una verità in Germania. Da Novembre, infatti, sarà possibile per i genitori non dichiarare il sesso dei figli all’anagrafe. I moduli presenteranno le caselle “maschio” “femmina” e “fatti i cazzi tuoi”. Questo per i genitori che vogliano garantire inediti spazi di privacy per i figli o che non vogliano condizionarne lo sviluppo psicofisico facendo notare loro che hanno un pistolino. Mi immagino che passino i primi 18 anni della vita dei figli a dir loro “Non guardare in basso, tu!”

Non voglio nemmeno entrare nel merito della questione bioetica e giuridica in sé. Ma i documenti identificativi servono, pensate un po’, per identificare. Immaginate questa conversazione tra due poliziotti tedeschi.

“Stiamo cercando Andrea Knopl, altezza 170 cm, occhi azzurri, capelli neri fino alla nuca, peso approssimativo 60 kg, 28 anni.”

“Jawohl! Uomo o donna?”

“Eh, non sappiamo. Fermate tutti, senza distinzioni, che siamo un Paese moderno, noi.”

(La legge è stata fortemente voluta dalla Merkel dopo 50 anni in cui sui suoi documenti c’era scritto “donna” e nessuno ci credeva.)

Non vi dico se Andrea Knopl è la vittima. E magari ha la faccia tosta di morire in Italia. Immaginatevi il dramma dell’appuntato Capuozzo. “Che scrivo? È più politicamente corretto arrestare il sospettato per FEMMINICIDIO o rispettare la volontà dei signori Knopl e parlare di omicidio di essere asessuato con le tette?”

In Spagna c’è già una risibile legge che consente di cambiare sesso sui documenti con una perizia psichiatrica. Ti senti donna dentro? Allora scriviamo donna. Cambi idea e ti piace di nuovo la giangiacoma? E uomo sia. I casi di personalità multipla magari possono portarsi appresso due documenti e mostrare quello opportuno a seconda del caso. Inutile dire che si tratta di una delle milioni di leggi approvate da Zapatero per spacciarsi per un politico all’avanguardia mentre disastrava l’economia spagnola. Tuttavia queste leggi hanno anche degli effetti pratici molto pericolosi su cui si ragiona poco.

Se, infatti, rendo i documenti di identità tradizionali inaffidabili, creo i presupposti per procedere ad identificare i miei cittadini in altri modi più invasivi, come per esempio prelevando a tutti qualche campione di DNA. Se creo una banca dati col DNA di tutti i cittadini, cosa impedirà di usarlo per acquisire informazioni sul loro patrimonio genetico o, in casi estremi, di fabbricare prove fittizie per incolpare qualcuno di un delitto, facendo trovare campioni di DNA sul luogo dello stesso? E tutto sarà stato fatto coccolando il narcisismo dei tedeschi, degli spagnoli e a breve degli italiani, a cui si sarà data l’impressione che la pubblica amministrazione sia tutta al servizio dei loro impulsi emotivi.

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e iscrivervi al gruppo di Chi Non Muore e invitare i vostri amici a QUEST’ALTRO LINK e che, ovviamente, entrambe le cose sono di grande aiuto e supporto per chi scrive.

151. Papa Francesco e Balotelli. Apocalittici e integrati.

interracial softGrande entusiasmo a Roma per l’arrivo di Balotelli. L’attaccante, scelto come simbolo di integrazione riuscita dal Ministro Kyenge, laddove una persona di buon senso preferirebbe considerare teste calde come lui e Cassano come simboli di educazione fallita, si è detto entusiasta all’idea di incontrare il Papa.

Attento, come sempre, ad attirare l’attenzione su di sé, sono settimane che Balotelli pensa a cosa chiedere al Sommo Pontefice durante il colloquio. Ecco le cinque domande che ritiene più pressanti.

1) Non capisco bene sta cosa della prospettiva. Ai tempi di giotto avevano l’aureola davvero o si facevano i capelli a banana gialla come me?

2) Se mi fate vedere cosa c’è dentro la valgetta diplomatica, io vi mostro il video porno che ho fatto con Raffaella Fico.

3) Per forza che vi sparano a voi papi, girate con una papamobile bianca che è come invitare i proiettili a raccolta. Io ho una Bentley mimetica. Yo! Yo!

4) Vietare alla Ior di riciclare fondi neri è razzista.

5) Ma con tutti i soldi che vi tenete dell’IMU, non potreste comprare una borsa per sta Oprah Winfrey?

(Razzismo: Oprah Winfrey in Svizzera vuole comprare una borsa da 35.000 euro e la commessa le dice che è troppo cara pare lei. Da oggi è razzismo scambiarti per un povero)

(35.000 euro per una borsa. Sei di una razza inferiore se non ci arrivi da solo, che è troppo cara)

(Se Oprah Winfrey pensa che sia razzista la commessa che non voleva venderle una borsa da 35.000 euro, dovrebbe provare ad andare da Calderoli e chiedergli di venderle un Crodino).

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK per tenervi aggiornati su quanto scrivo o semplicemente per supportare i miei sforzi di blogger satirico.

PS: Balotelli si è fatto tatuare “Sono la punizione di Dio”. Vediamo come risponderà Papa Francesco in questo appassionante derby.

149. Berlusconi condannato sesso vinci un milione di euro

Berlusconi giocoBerlusconi condannato sesso vinci un milione di euro. Il perfetto meccanismo virale. Come diffondere una notizia sul niente. Niente di diverso da quanto accaduto oggi perché, parliamoci chiaro, il 99% delle persone che sono state 7 ore (“Hai detto tette?”) ad aspettare la sentenza a Berlusconi, quando poi è stata letta non hanno capito una mazza.

Berlusconi condannato sesso vinci un milione di euro. Se non diffondete questo non siete animali da social network.

Ma ecco 7 cose di cui dovremmo continuare a preoccuparci, anche con un Berlusconi in galera, cosa che non vedremo mai.

1) Berlusconi ha dei figli e un impero economico-mediatico mostruoso, la cui influenza non morirà con lui.

2) La FIAT ha praticamente comprato il corriere. Rischiamo Lapo Elkan Presidente del Consiglio e Luxuria all’Interno.

3) Bankitalia prevede per il prossimo anno un calo del pil dell’1,9%.

4) Il nostro tasso di natalità è inferiore a quello del Vaticano.

5) Mezza Italia sta leggendo la sentenza a Berlusconi pensando che questa salverà il Paese, l’altra metà è preoccupata per gli effetti che avrà sul mercato del Milan.

6) Non stai facendo sesso.

7) Non hai vinto un milione di euro.

Se volete, vi ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di CHI NON MUORE Berlusconi condannato sesso vinci un milione di euro.

141. Notizie dall’indifferenziata

raccolta indifferenziataFassina: “Recupereremo i fondi per investire sui giovani dalla lotta all’evasione fiscale”. “Recupereremo i fondi dalla lotta all’evasione fiscale” is the new “Non so come sia potuto accadere, non avevo mai fatto cilecca prima!”

Se avessimo recuperato dall’evasione fiscale tutti i soldi che i governi hanno promesso di recuperare negli ultimi 50 anni, ora staremmo nascondendo al fisco uno yatch a testa.

Captati segnali radio risalenti a 13 miliardi di anni fa. Dicono: “Non vi ho detto io di fondare RadioMaria”.

I segnali radio risalenti a 13 miliardi di anni fa potrebbero essere di origine extraterrestre. E dicono a Sara Tommasi di girare un porno.

Il Papa a Lampedusa. Nella sua enciclica consiglierà: “Non cercate di camminare sulle acque”.

Cicchitto bacchetta il Papa: “Una cosa è predicare, un’altra governare”. Come sa bene chi da anni promette di trasformare l’Italia in un paradiso.

Il Papa a Lampedusa viene accolto da uno striscione: “Benvenuto tra gli ultimi”. Del che deduco che sia arrivato con trenitalia.

Marino: il nuovo capo dei vigili di Roma sarà scelto in base al curriculum. Da una commissione di 2.000 zingari.

Lavezzi nei guai: si è portato via da Napoli una statua rubata a Pompei. Ehi, tu un lavoro ce l’hai già, lascia ai napoletani il loro!

(Lavezzi prova a giustificarsi: “Ho comprato un iPad e mi son trovato nella busta ‘sta robaccia!”)

Indonesia: uomo costretto su un albero per 5 giorni per non essere sbranato dalla tigri. La nuova proprietà fa capire ai giocatori dell’Inter che quest’anno è meglio che si impegnino.

Buone notizie dall’INAIL: in calo le morti sul lavoro. E quelle tra i costruttori di piramidi sono a zero da ventimila anni.

Anticipata la sentenza di Cassazione del processo Berlusconi per evitare la prescrizione. Lui si lamenta: “Resto interdetto!”.

Italia: paese in cui la giustizia è italiana per tutti e svizzera per uno (@microsatira)

Capezzone: è in gioco molto più del destino di una persona. Per esempio, lui potrebbe restare senza lavoro.

Berlusconi è colpevole, però il processo è una farsa. Il fatto che gli italiani pretendano che solo una di queste due frasi sia vera è uno dei problemi del Paese.

Capezzone non è l’unico caso umano di cui ci occupiamo oggi. Per esempio su real time ho visto di Lory, 31 anni, da quando ne ha otto dorme con un ascigacapelli sotto le lenzuola. E poi scrive al fidanzato: “amore, ti sto pensando e sono tutta asciugata”.

Uomo accoltella uno sconosciuto giustificandosi: “Non faccio sesso da 6 anni”. Guarda che non si usa il coltello, ma la sega.

Uomo accoltella uno sconosciuto giustificandosi: “Non faccio sesso da 6 anni”. Ora farebbe qualunque cosa per una fessura.

Uomo accoltella uno sconosciuto giustificandosi: “Non faccio sesso da 6 anni”. Sembra un caso di cronaca, in realtà è l’ultimo alibi inventato da Berlusconi.

Ricordo che potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore a QUESTO LINK e che è sempre un modo molto carino per essere aggiornati e farmi sentire il vostro supporto.

110. Fate spazio

curiosity pene“Gli italiani hanno perso la guerra, poi hanno perso la pace.” (Totò)

Berlusconi in Texas per festeggiare Bush. Ed è molto frustrato perché la moglie di Obama non capisce la battuta: “Dallas non è una città, è un consiglio.”

A Berlusconi spiace tantissimo mancare le celebrazioni del 25 Aprile. Pensate che il giorno della liberazione aveva poco meno di 18 anni e ancora è rimasto affezionato alle ragazze che gli ricordano quella data.

Berlusconi a Dallas per festeggiare Bush. Ok, ha un alibi, non è stato lui a disegnare un pene gigante su Marte.

La sonda Curiosity disegna su Marte un cazzo gigante. E ha comunque usato il suo tempo meglio di chi ha guardato Letta e Crimi in streaming.

La sonda Curiosity disegna su Marte un cazzo gigante. Ora datele il tempo di aggiungere il numero della Minetti.

Avete presente quando Cristoforo Colombo piantò la bandiera di Isabella di Castiglia per prendere possesso delle americhe a nome di lei? No, perché ora Rocco Siffredi possiede Marte.

Ora Berlusconi è dispiaciuto, vorrebbe ridisegnare la forma dello stivale per rendere il Paese un po’ più simile a lui.

Curiosity ha disegnato un pene su Marte. E già Hugh Hefner si è proposto di finanziare una missione su Venere.

(Vi ricordate quando avevano accusato la sonda Curiosity di aver corrotto alcuni file? Era bieco moralismo.)

In finlandese “Guarda!” si dice “Cazzo!”. Dialogo tra un finlandese e un italiano guardando la foto di Marte:

“CAZZO!”

“CAZZO!”

Un grande insegnamento sulla vita. Facciamo studiare i nostri figli, li mandiamo ad Harvard, li mandiamo su marte, ma poi dategli qualcosa per scrivere e un cesso gigantesco e disegnano un pene.

Secondo grande insegnamento: la notizia che avete letto su ANSA e Corriere è falsa. Le due più affidabili fonti di informazione italiane spacciano per nuova una notizia di nove anni fa, la riferiscono alla sonda sbagliata e parlano di un imbarazzo inesistente. ECCO LA SPIEGAZIONE .

Al massiomo se la sonda Spirit ha disegnato un cazzone gigante possiamo dire Smells like teen spirit.

Come sempre potete mettere un like alla pagina Facebook di Chi Non Muore clickando qui https://www.facebook.com/ChiNonMuore